0
Mag 20 2012

Prendere la directory dell’eseguibile in C++

Talvolta può risultare utile sapere il percorso di un programma dal programma stesso. Un esempio pratico è quando bisogna caricare file come quelli di configurazione o risorse del programma.

Purtroppo non esiste un metodo cross-platform per farlo. Molti compilatori usano argv[0], però non è obbligatorio che lo facciano. Poi ogni piattaforma ha il suo metodo.

Purtroppo neanche boost provvede questa funzionalità, sebbene abbia una libreria sul filesystem.

Basandomi su vari metodi trovati su internet (dentro al file cpp ci sono tutti i link), ho fatto una classe, il cui scopo è gestire il filesystem, che, basandosi sul percorso dell’eseguibile, risale alla root dell’applicazione. Per il momento questa è l’unica funzionalità, in seguito ne aggiungerò altre per miei scopi.

Finora l’ho provata solo su Linux, perciò se qualcuno riesce a provarlo su altre piattaforme me lo faccia sapere.

Sono richieste le librerie boot filesystem e boost system, in quanto le uso per fare i controlli e ottenere il percorso assoluto e senza collegamenti.

Sorgente e header li potete scaricare qui: filesystem_cpp.tar.gz.

Lo rilascio in pubblico dominio, non ci dovrebbero essere problemi per questi frammenti di codice.

Piccola guida: innanzitutto c’è da notare che uso il singleton pattern, ovvero un’unica istanza di cui si può prendere il puntatore tramite il metodo statico getSingletonPtr o la reference tramite getSigleton, comunque con il metodo fromArguments(int argc, char **argv) impostate gli argomenti della main, se vi interessa prendere l’eseguibile da lì; invece appRoot restituisce una reference const dell’oggetto boost::filesystem::path con la root dell’applicazione.

Attenzione: si presuppone che l’eseguibile sia in app-root/altra-directory/eseguibile. Se fosse direttamente in app-root dovete modificare LEVELS in 1.

2
Mag 12 2012

Vodafone My190

Ora che ho Smart Zero Limits + voglio tenere sotto controllo il mio traffico.

Così oggi chiamando il 414 (il “Credito Voce”) ho scoperto che c’è un’applicazione per smartphone chiamata “My190”.

Ho visto che per il mio telefono era disponibile e così l’ho installata, non pesava neanche tanto, solo 42 KB.

La fregatura è che non è un’applicazione ma un segnalibro che apre sul browser di default una pagina web.

Perciò non installate quest’applicazione, specialmente se avete un browser di default scrauso, come nel mio caso.

Piuttosto aggiungetevi questo segnalibro: my190.vodafone.it/190mobile/endpoint/MobileMid/home_mio190.php e avrete ottenuto l’applicazione My190 :arf:

0
Mag 11 2012

Eclipse

Finalmente mi sono deciso ad usare un IDE per programmare in C++.

Tutto è nato dall’esigenza di provare Ogre, un motore di rendering 3D. Questa volta avevo voglia di fare le cose bene, così ho seguito il consiglio del loro wiki e ho fatto la mia scelta.

I tre candidati erano Eclipse, NetBeans e CodeBlocks.

L’ultimo l’ho escluso a priori perché in realtà l’avevo già provato su Windows e non mi era piaciuto.

Così la sfida è stata tra Eclipse e NetBeans.

Alla fine ho scelto il primo perché occupava meno spazio.

Che dire? È veramente utile e comodo.

Sono 250MB occupati ma in compenso mi risparmia un sacco di fatica e fa già lui dei controlli per me, per esempio sul tipo, sull’esistenza di variabili/funzioni/classi.

Insomma, se state ancora programmando con editor che offrono solo l’evidenziazione del codice vi consiglio di provare anche a voi questo programma.

È libero, multipiattaforma e supporta anche altri linguaggi, Java in primis.