2
Ago 14 2017

VoIP Tim e HT-502

Come avevo già annunciato, per poter continuare ad usare il mio TD-W8970 e il vecchio Siemens S62 del nonno, ho deciso di comprare un Grandstream HT-502.

Avevo letto della sua compatibiltà online, poi, una volta comprato, ne ho avuto la conferma.

L’ho comprato usato su eBay, pagandolo 15€ + 10€ di spedizione. Il prodotto si presenta abbastanza bene, sicuramente una delle prime cose che mi ha impressionato è la compattezza: la dimensione maggiore è dettata dal puro ingombro delle porte, non ci sono sprechi di spazio.

La qualità dell’audio mi è parsa molto buona, la cosa bella del VoIP è che non è influenzato da router rumorosi, agenti atmosferici, cavi chilometrici etc. Sono riuscito anche a collegarci tutto l’ex impianto telefonico di casa senza troppi problemi.

Prerequisito: ottenere la configurazione Tim

Prima di poter installare l’HT-502, dovrete ottenere i parametri della vostra linea telefonica.

Visto che Tim non comunica ufficialmente la configurazione, bisogna ricavarla per vie traverse. Per entrambe le procedure esistenti è necessario che il router Tim sia in funzione e vi serve un cellulare su cui ricevere gli SMS.

Per semplificare il procedimento, io ho scelto di usare uno script Python disponibile su HWUpgrade. Per poterlo scaricare, vi serve un account; non serve aver inviato alcun messaggio, basta solo essersi registrati, cosa che si può fare in pochi minuti. Dovrete inoltre installare un interprete Python e i moduli requests e dnspython. In qualsiasi sistema Linux, Python dovrebbe già essere installato, se invece usate Windows, o potete scaricare CPython oppure usare una live di Linux.

Se usate lo script, tutto ciò dovrete fare per ottenere i parametri sarà eseguire questa riga di codice e seguire le istruzioni a schermo (su nomedispositivo potete mettere ciò che preferite):

python voip1.py lineavoip celulare nomedispositivo

Ho letto lo script: è sicuro, non cede a terzi i vostri dati. Tuttavia, qualora non vogliate proprio usarlo, vi servirà uno smartphone, l’app di Tim e un server proxy HTTP. Potete cercare online la guida su come fare.

In ogni caso, una volta ottenuti i dati si può procedere con l’installazione dell’ATA.

Installazione dell’HT-502

Si comincia col collegamento di un telefono con tastiera a toni e della vostra rete alla porta WAN dell’apparecchio. Il motivo della scelta della porta WAN è che nella porta LAN è attivo un server DHCP che potrebbe interferire con il resto della vostra rete.

In seguito, dovrete telefonare al numero **12, sentire se l’interfaccia di configurazione è attiva sulla rete WAN e in caso negativo attivarla con il tasto 9. Dopodiché dovrete riavviare l’ATA, e, una volta che si sarà riavviato, chiamare il numero **02 per sentire che indirizzo IP gli è stato assegnato.

A questo punto si può continuare la configurazione dal computer. Collegatevi dal browser all’indirizzo IP del dispositivo, fate il login (la password predefinita è admin) ed entrate nella configurazione.

Scegliete la porta a cui avete collegato il telefono nel menù in alto. Le opzioni da modificare sono:

  • Primary SIP Server: inserite telecomitalia.it;
  • Outbound Proxy: inserite l’indirizzo del proxy con priorità più alta che avete ottenuto dallo script
  • SIP User ID e Authenticate ID: su entrambi ci va il numero di telefono comprensivo di prefisso +39;
  • Authenticate Password: mettete la password indicata dallo script su X_TELECOMITALIA_IT_AuthPassword;
  • DNS Mode: SRV;
  • SLIC Setting: ITALY;
  • Caller ID Scheme: Bellcore/Telcordia oppure ETSI-FSK during ringing;

Per il resto, in questa pagina vanno bene i parametri predefiniti.

Già così dovreste essere in grado di poter effettuare e ricevere chiamate.

Tuttavia, ci sarebbero ancora delle impostazioni da modificare: in particolare a me dava fastidio il tono che si sentiva alzando la cornetta del telefono.

Per modificarlo, bisogna andare su Advanced Options e modificare Dial Tone, impostando f1=425@-12,f2=425@-12,c=200/200-600/1000;.

Su questa pagina si possono trovare i diversi parametri suggeriti per l’Italia dei vari toni.

Problemi

Il sistema funziona e anche bene, però ci sono un paio di problemi.

Il primo, meno grave, è che, nel caller ID del mio cordless Siemens, viene mostrato sempre il prefisso internazionale, ma privo di “+” o di “00” che lo segnalino. Il numero è riconoscibile ugualmente, ma questo è un problema nel caso in cui si voglia provare a richiamare quel numero: nel mio caso ripremere il tasto di chiamata non funziona, devo per forza ricomporre il numero senza il prefisso internazionale.

Il secondo problema invece riguarda il calore: l’HT-502 non ha alcun dissipatore sugli integrati e ha solo poche feritoie nel case, quindi scalda veramente tanto e arrivava a crashare. Spesso la mattina appena alzato dovevo riavviarlo e poi verso mezzanotte-l’una non funzionava già più. Cambiandolo di posto e lasciandolo senza case il problema non sussiste, quindi immagino che quei crash fossero proprio dovuti al calore.

Passato il ponte di Ferragosto proverò a comprare dei dissipatori e magari anche una scatola più grande su cui poter fare dei fori per permettere un maggior passaggio di aria.

2 Commenti

  • Ciao,

    hai poi trovato il modo di risolvere il problema del prefisso?
    anche a te succede solo con i numeri fissi e non con i numeri da cellulare?

    Per me il problema e’ abbastanza grave tanto che mi sta impedendo di lasciare il modem fornito da tim.

  • Ciao, alla fine non ho neanche più indagato, perché a casa usiamo il fisso veramente poco…
    Per chiamare usiamo solo i cellulari, invece col fisso riceviamo soltanto, e perlopiù sono call center, quindi il caller ID ci è comodo vedere se il chiamante è un numero locale o meno.

Aggiungi un commento

Completa la form sottostante per aggiungere un commento

CAPTCHA
Scarica il CAPTCHA in wav.