2
Set 09 2014

D-Link DHP-308AV (poweline)

Spesso si parla di internet delle cose, ma la maggior parte delle case non è stata ideata per avere reti ethernet.

Certo, i dispositivi che supportano il wireless sono moltissimi, ma a volte il cavo risulta più comodo: è più economico da implementare, più diffuso, ha certe funzionalità ancora non disponibili con la wireless, come Wake On Lan.

Un’idea è quella di un bridge wireless, ne avevo già parlato, tuttavia la mia soluzione, per farlo sembrare uguale a un collegamento tramite cavo, era molto dirty (questa volta neanche quick). Avevo già previsto non sarebbe durata per sempre, e così è stato: c’erano lungi tempi e quando il client era disattivo il server mandava molti pacchetti ARP, cosa fastidiosa al pensiero.

La soluzione più vantaggiosa ed economica sarebbe un buon vecchio cavo, ma era difficile nel mio caso: avrei dovuto attraversare una parete di 25cm, perché per la rete non si possono usare i corrugati della corrente.

Visto che in questi anni sono scese molto di prezzo, ho deciso di valutare la soluzione delle powerline, così ho comprato il kit D-Link DHP-309AV, che contiene due adattatori DHP-308AV. Mi è venuto il doppio del cavo (27€ su Amazon), ma… [Leggi il resto...]

0
Set 07 2010

OpenWRT e Client Wireless Irraggiungibili

Dopo aver cambiato firmware a OpenWRT era successo che non riuscivo più a far contattare i client wireless tra di loro oppure neanche da client LAN, ma non avevo pensato che la colpa fosse di OpenWRT.

La soluzione è stata semplicissima.

Era un errore nel bridge.

Andate sull’Amministrazione di OpenWRT, selezionate LAN e mettete nel campo interfaccia --personalizzato--, dopodiché nel campo che verrà fuori inserite eth0 wlan0 e dovrebbe andare.

0
Giu 12 2010

Come mandare in streaming in LAN i mondiali da rai.tv

Attenzione: questo articolo è a puro scopo informativo. L’autore non se ne prende nessuna responsabilità.

L’articolo è rilasciato sotto licenza Creative Commons 3.0 By Share-Alike Non-Commercial.

L’autore e rai non sono associate e non hanno alcun accordo comune.

Se si mette in opera ciò che è riportato, si ammette di essere cittadini italiani in regola col canone rai e a non usarlo a scopo di lucro.

L’autore non scrive questo articolo a scopo di lucro.

I mondiali di calcio hanno messo in agitazione la blogosfera.

La rai mette a disposizione un servizio per cui si è obbligati a usare tecnologie proprietarie.

Ho visto dei tutorial su come mettere un server streaming per mandare a tutti gli uffici le partite in streaming (anche se le connessioni internet italiane vanno a 1000 Mb/s perciò tutti i computer di un’azienda possono vedere contemporaneamente lo streaming. Ah no, putroppo non è vero) o su come vedere lo streaming da rai.it senza dover usare le tecnologie proprietarie che non hanno alternative su tutti i sistemi operativi (e sì che stiamo parlando di un’azienda pubblica!).

Ecco come fare una soluzione ibrida: teniamo non sature le connessioni internet e… [Leggi il resto...]